Quanto conta la velocità?

Oggi mi sono imbattuto sul blog di Settimio Benedusi, che non è un fotografo di matrimonio ma un fotografo moda e ritrattista molto noto e affermato. Parlava della velocità di esecuzione del servizio fotografico. Mostrava come è possibile ottenere un ottimo ritratto anche con pochissimi scatti.

Mi ha fatto riflettere. Anche per il fotografo di matrimonio è importante essere veloce, molto spesso siamo stritolati dai ritmi incalzanti dell’organizzazione del matrimonio e non possiamo permetterci di dilungarci nelle nostre sessioni fotografiche. Altre volte gli sposi, soprattutto gli uomini, sono poco pazienti. La posa e la sessione di ritratto in generale li annoia, preferiscono stare con i loro amici piuttosto che con il fotografo.

Ecco che si crea una nuova esigenza, imparare ad ottenere ottime immagini in poco tempo. Sì, è importante avere le idee ben chiare di ciò che si vuole ottenere dalle foto che si sta per fare.

Per un album di nozze sono sufficienti 10 ritratti di coppia. Quanto tempo ci vuole per 10 ritratti degni di nota da poter essere utilizzati? 

Non esiste una risposta esatta a questa domanda, i fattori sono tantissimi: l’indole del fotografo, la disponibilità della coppia, l’ispirazione del momento e le situazioni contingenti.

Una delle abilità che mi sono ritrovato come innata, senza doverla cercare, è proprio la velocità. A volte potrebbe sembrare frenesia ma non è così. Quando inizio a lavorare, soprattutto nelle sessioni di ritratto, il mio cervello lavora a velocità doppia e, senza nemmeno rendermene conto, riesco a fare la scansione della scena e trovare l’idea per fotografare i soggetti. Ho la fortuna di vedere la luce e lo sfondo della fotografia ancor prima di decidere dove la farò… ecco che a quel punto la fotografia esce molto velocemente, basta posizionare i soggetti nel modo giusto e tutto esce quasi per magia.

Anche per quanto riguarda le consegne ho la fortuna di essere abbastanza veloce… ma questo è solo un fatto di organizzazione, ma ne parleremo in un altro articolo.

Leave a comment