Quante foto si stampano oggi?

La fotografia, con l’avvento del digitale, fa sempre più parte della nostra vita quotidiana. Piccole fotocamere digitali e telefonini ci permettono di scattare molte più foto di un tempo e catturare così i ricordi delle nostre giornate. A differenza di un tempo però per vedere le fotografie non è più necessario stamparle, quindi molto spesso le lasciamo nel disco rigido del nostro computer o su supporti vari (CD, DVD ecc.). Tali supporti però hanno dei limiti e nella maggior parte dei casi le foto vanno perse nel giro di pochi anni. In realtà, dopo una fuga quasi colossale dal laboratorio di stampa, si comincia a notare un’inversione di tendenza ed un desiderio di dare importanza ai nostri ricordi attraverso la stampa. Anche in questo si nota una differenza tra il “vecchio” mercato, che era costituito principalmente da stampe fotografiche in formato 10 x 15cm o 13 x 18cm, al nuovo che che è costituito da fotocalendari, fotolibri e stampe pannellate di medie dimensioni.  Le offerte sono moltissime, si va dal servizio che i laboratori offrono ai fotografi alle varie soluzioni on-line. Ma il dato entusiasmante è che pur essendoci molte offerte on-line per l’acquisto di prodotti fotografici, la fiducia che ottiene il fotografo, riconosciuto come consulente di fiducia per questo tipo di servizio, è assolutamente in crescita. Questo potrebbe essere un segnale di rivalutazione di una professione che stava rischiando di scomparire… e allora, io mi rimbocco le maniche e mi invento nuove offerte: bastano anche pochi spiccioli per non perdere i nostri ricordi.

Leave a comment