Mini guida ai destination wedding in Italia.

Mi capita spesso di lavorare come wedding photographer con sposi stranieri che optano per un destination wedding in Italia. Lo potete vedere dalla mia wedding gallery. In questo articolo faremo una mini panoramica rispetto alle mete da per un destination wedding in Italia.

Amalfi e la costiera. Scegliere la costiera amalfitana è la soluzione che vi permette di avere un matrimonio che profuma maggiormente di Italia. Pensate ad un matrimonio decorato con fiori d’arancio e limoni, gli sposi che si spostano con una cinquecento vintage ed un pranzo a base dei prodotti del mare consumato su una splendida terrazza a picco sul mare. Il clima piacevole determinato dalla posizione a sud e dalla vicinanza con il mare, fa si che i matrimoni in costiera amalfitana possano essere celebrati anche all’aperto per buona parte dell’anno.

I grandi laghi. In Italia la zona dei grandi laghi, di Garda e di Como, sono da sempre molto apprezzati dagli stranieri e soprattutto dai vip. Sposarvi sui maggiori laghi italiani vi darà la possibilità di organizzare un vero matrimonio VIP, magari in una bella villa storica con il giardino che degrada verso il lago. Visto la posizione a nord, il clima è un po’ più rigido, organizzare un matrimonio in quest’area pertanto sarà legato alla bella stagione. Questa soluzione è favolosa se volete un matrimonio vicino all’acqua ma circondati dalle montagne.

Infine segnaliamo la Toscana e Firenze. In quest’area potete organizzare sia un matrimonio immersi nelle bellezze artistiche della città di Firenze, sia un matrimonio bucolico tra le colline toscane, in una dimora storica con giardino all’italiana, oppure in un bel casolare finemente ristrutturato. Se decidete di sposarvi in piena estate a Firenze fate attenzione: può essere davvero molto calda! Se decidete di organizzare un matrimonio nelle campagne toscane, la parola d’ordine è optare per un menu a base di prodotti locali, come i pregiati vini e oli d’oliva toscani.

E poi ovviamente le altre grandi città d’arte: Roma, Venezia e Verona.

Leave a comment