Il Matrimonio Ebraico

1312350134382143

Immagine di repetorio

Visto l’interesse suscitato dall’articolo relativo ai riti religiosi di matrimonio a Venezia, proponiamo un focus relativo ai matrimoni ebraici.

A Venezia è possibile vedere questi riti sia in relazione a sposi di religione ebraica di nazionalità Italiana (vista la presenza di una folta comunità ebraica veneziana) sia con riferimento a sposi che seguono il rito semita ma che provengono dall’estero. Vedi approfondimento sul Destination Wedding.

Fonte: Wikipedia

Il matrimonio ebraico è una cerimonia di nozze che segue la Legge e tradizione ebraica.
Mentre le cerimonie nuziali variano, gli aspetti comuni di un matrimonio ebraico comprendono la ketubah (contratto matrimoniale) che viene firmata da due testimoni, un baldacchino di stoffa (chuppah o huppah), un anello di proprietà dello sposo che viene dato alla sposa mentre la coppia si trova sotto il baldacchino, e la tradizionale “rottura del bicchiere”.
Formalmente la procedura del matrimonio ebraico ha due fasi distinte: Qiddushin (santificazione o dedicazione, chiamata anche erusin, promessa di matrimonio in ebraico: “dubbi” a volte sulla promessa in matrimonio e/o la promessa di matrimonio) e nissuin (matrimonio), quando la coppia inizia la propria vita comune. La prima fase proibisce la donna a tutti gli altri uomini, con la possibilità di un divorzio religioso (Ghet) per poter essere annullato, e la fase finale permette alla coppia di vivere insieme coniugalmente. La cerimonia che attua il nisuin è chiamata chuppah.
Oggigiorno erusin/kiddushin avviene quando lo sposo consegna l’anello alla sposa, o anche un altro oggetto di valore con l’intento di realizzare un matrimonio. Esistono diverse opinioni su quale parte della cerimonia costituisca nissuin/chuppah, tra cui lo stare sotto il baldacchino – chiamato appunto chuppah – o stare da soli insieme in una stanza (ebraico: איסור ייחוד, issur yichud, trad. “seclusione”).Mentre in passato questi due eventi potevano aver luogo separatamente, a volte anche con un intervallo di un anno ora vengono comunemente combinati in un’unica cerimonia anche se talvolta alcuni usano che, durante la cerimonia, altri individui stiano sotto la succitata Chuppah cerimoniale.

Qualsiasi sia il vostro rito nel capoluogo lagunare, potete contattare Glauco Comoretto come vostro fotografo di matrimonio a Venezia e fissare un primo incontro conoscitivo presso il suo studio di Dolo (VE).

Leave a comment