Facciamo un accordo?

Quando si parla di servizio fotografico per le nozze, ci si dimentica sempre di parlare degli accordi tra gli sposi e il fotografo di matrimonio.

Pare che sia una cosa normale e scontata, a cui non serva dare peso eppure tutti i fotografi professionisti si preoccupano di compilare e firmare un contratto che definisce tutti gli accordi tra le parti.

Mi trovo male a parlare il gergo legale quindi cercherò di spiegare i motivi per cui è utile compilare un contratto con parole mie.

Innanzitutto un contratto è un accordo. Quindi è bene che sia il fotografo del matrimonio che la coppia di sposi siano tutelati. Il fotografo che sia certo che il lavoro che fa venga poi ritirato e pagato quanto pattuito, gli sposi invece devono avere la certezza che il giorno del matrimonio ci sia il fotografo che hanno scelto. Questo non è un aspetto da sottovalutare. Nel caso di motivi gravi di salute è naturale che il fotografo si faccia sostituire però questo è un caso limite, non ci devono essere motivi di convenienza in questa sostituzione.

Per gli sposi poi è importante che a fronte di quanto pagheranno ottengano quanto pattuito. Che le immagini siano consegnate ad alta risoluzione e nel caso siano previste delle stampe e degli album che ci sia tutto.

Ma sono anche molte altre le sfaccettature del contratto che di primo acchito non si pensa: i diritti di utilizzo delle immagini. Esiste una legge sul diritto d’autore la quale prevede che le immagini cedute abbiamo sempre uno scopo. Ovvero, il fotografo realizza le immagini delle quali rimane il proprietario e questa proprietà non è cedibile, nemmeno a fronte di pagamenti. Quello che è cedibile è il diritto di utilizzo. Quindi sul contratto sono specificati tutti gli utilizzi che il cliente potrà fare con le immagini.

C’è la clausola sul backup, il fotografo di matrimonio specificherà per quanto tempo rimane responsabile dell’archiviazione delle immagini. Ci sono gli accordi sulla selezione delle immagini per l’album, chi la fa e in che termini.

Infine ci sono gli accordi su eventuali disdette, da ambo le parti, e cose pratiche come il pranzo, la durata del servizio e i tempi di consegna.


Insomma lo scopo è farvi stare tranquilli che tutto ciò che vi prometto poi lo mantengo. Questo è anche alla base dell’Associazione Nazionale Fotografi matrimonialisti di cui sono socio fondatore e membro del direttivo.

Leave a comment