Che bello avere gusti diversi!

Parlavo proprio stamattina con un collega fotografo di matrimonio su un aspetto della fotografia per la quale io spendo un sacco di energie: il bokeh, ovvero lo sfuocato davanti e dietro il soggetto.

Gli ho raccontato di quanto denaro ho speso nella ricerca dei materiali adatti a questo tipo di fotografia e anche al tipo di flash professionale che ho scelto, il Profoto B1, per poter realizzare dei ritratti all’aperto con una perfetta illuminazione e l’effetto sfuocato alle spalle del soggetto.

Mentre ero tutto catturato da questi racconti e quasi mi emozionavo nel raccontare le prodezze di queste attrezzature fantastiche lui mi dice: molti di voi sono molto attirati da questo tipo di fotografia mentre io preferisco di gran lunga la fotografia con una profondità di campo molto ampia. In gergo fotografico, la profondità di campo equivale alla zona a fuoco. Maggiore è la profondità di campo minore sarà la parte sfuocata.

Al ché ho avuto una nuova illuminazione: ognuno ha i suoi gusti e di conseguenza avrà i suoi clienti. Ma non è fantastico?

Forse questo è troppo poco per definirlo uno stile fotografico, ma fa comunque parte di noi e dei nostri gusti. Sono certo che le coppie di sposi non si soffermeranno a guardare le fotografie in modo tecnico e analitico, ma nel guardarle lo percepiranno e sceglieranno il fotografo che a loro più piace.

Marco, (così si chiama il mio collega) ha trovato nei suoi gusti il suo stile, così come io nei miei ed entrambi ci proponiamo al mercato del matrimonio. Incontreremo sicuramente persone diverse e potremo accontentare quei clienti che incontrano il nostro gusto.

Trovo questo una cosa fantastica, ognuno di noi è diverso quindi ogni coppia di sposi troverà il suo fotografo di matrimonio. In un mondo ideale questo sarebbe l’unico motivo per operare la scelta. Purtroppo oggi i fattori sono anche altri, legati a fattori di comunicazione, prezzo e album proposti, elementi molto meno romantici di come amo interpretare il mio lavoro.

Vorrei quindi concludere lasciando un consiglio alle future coppie di sposi, scegliete il fotografo che preferite per le immagini che produce, non per prezzo, simpatia o tipologia di album; sono tutti elementi di poco conto in confronto alla qualità della fotografia. Il fotografo simpatico non rimarrà con voi per tutta la vita, le fotografie sì. Il denaro che risparmiate non rimarrà con voi tutta la vita, le fotografie sì. L’album su cui stamperete le fotografie è un contenitore, quello che conta è il contenuto!

Leave a comment